Elegia viva per gli urrà sinceri,

m'ingegnai per un pò ma sul finale,

tutti mi stavano sul cazzo più di ieri.

Era la roulette della routine che interrompeva,

di sera appalla dentro palloni aerostatici,

in un quando fermo come la foto di un avo.

Statica atipicità finta come tinta verde,

alla luce del sole, peluche patetici,

di notte note storie storte e stonate, spacciate per arte.

Che se volessi già sarei ciò che per essi è ormai perso,

che se mandassi il fare a fare in culo

farei il meglio affare, e lo rifarei di certo.

'Un sugnu spertu, ma mi rivigghiu sul' quann m' serv

'Un vogghiu, lassare cos' fernute

ppi piaciri a 'ncun e far' i sord.

Mi perdo ad ogni passo perchè non seguo nè vie

nè profezie, faccio il mio, sulu ppe mia

e sulu iu mi capisciu, fazzu u pacciu,

arriccio e appiccio a fuacu tuttu

drhi rasta fin'aru postu ca mi fazzu

scazzu, mi scordu, e pua canciu n'atra vota passo,

quel lasso di tempo in cui appare il finale

come fine, finalmente in mente

ti senti come a cagata conclusa:

Vuoto, ma sotto sotto vuoi farlo di Nuovo.